Giornata della bioeconomia

GIORNATA DELLA BIOECONOMIA 25-26 MAGGIO 2022

In occasione della Giornata della Bioeconomia, il 26 maggio dalle 11.15
la Presentazione del concorso Bioeconomy4YOU e dei progetti premiati

Ravenna, Teatro Alighieri – Via Angelo Mariani, 2

Evento in presenza ad ingresso libero nel pieno rispetto delle norme anti Covid-19 (no green pass, si mascherina)

Registrazione consigliata al seguente link https://forms.office.com/r/iAuJmXW3PF

Sarà possibile seguire l’evento anche in diretta streaming sulla piattaforma del Ravenna Festival ravennafestival.live

ARTICOLI CORRELATI

Ravenna ha ospitato la quarta edizione del Bioeconomy Day, l'iniziativa, lanciata dal Cluster della Bioeconomia circolare SPRING in collaborazione con Assobiotec-Federchimica e con la Fondazione Raul Gardini. Foto: per gentile concessione APRE – Agenzia per la Promozione della Ricerca Europeaper gentile concessione APRE – Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea
La premiazione del progetto "Il mondo in una zolla" da parte dell'assessore all’Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo e dal Direttore di Fondazione Lombardia per l’Ambiente Fabrizio Piccarolo.
Il prototipo per il recupero, la depurazione e il riuso delle acque reflue sviluppato da Hera e dall'università di Bologna rientra nell’ambito del progetto Value CE-IN, finanziato dalla Regione Emilia-Romagna e dal Fondo Sviluppo e Coesione. FOTO: Università di Bologna
Lezioni natura bioeconomia a scuola
Un'innovazione circolare per l'Africa: il riutilizzo degli scarti del cocco riduce l’impiego del legname e la spinta alla deforestazione. Foto: Freetown sl Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)Foto: Freetown sl Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)
L'Italia è fra i Paesi in Europa a più alta incidenza della bioeconomia. Copre il 6,4% in termini di valore aggiunto e quasi l'8% per l'occupazione, con circa 2 milioni di addetti.
La capitale colombiana Bogotà ospita alcune delle migliori pratiche circolari promosse in America Latina. Foto: Felipe Ortega Grijalba Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)Felipe Ortega Grijalba Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)
L'inceneritore di Spittelau, a Vienna. L’estensione dello schema ETS agli impianti di smaltimento provocherebbe una riduzione dei rifiuti trattati e delle emissioni di CO2. Foto: Pixabay License. Libera per usi commerciali. Attribuzione non richiestaPixabay License. Libera per usi commerciali. Attribuzione non richiesta
L'edizione 2021 di Ecomondo si terrà come di consueto a Rimini dal 26 al 29 ottobre.
L’Inventario Nazionale delle Foreste e dei serbatoi forestali di Carbonio (INFC) è un’indagine campionaria periodica finalizzata alla conoscenza della qualità e quantità delle risorse forestali del Paese, fonte di statistiche forestali a livello nazionale e regionale. INFC è uno strumento di monitoraggio che produce conoscenza concreta a supporto della politica forestale e ambientale realizzato dall’Arma dei Carabinieri tramite il Comando Unità Forestali Ambientali e Agroalimentari in collaborazione con partner scientifico il CREA (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi per l’economia agraria) e il contributo dei Corpi Forestali delle Regioni e Province Autonome. FOTO: Carabinieri Forestali 2021.
Rispetto alle materie prime sintetiche come il poliestere il cotone si decompone molto più rapidamente nel suolo. Foto: Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation (CSIRO) Attribution 3.0 Unported (CC BY 3.0)Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation (CSIRO) Attribution 3.0 Unported (CC BY 3.0)
bioeconomia circolare, rifiuti riciclo green economy
esperimenti chimica biochimica bioeconomia biopolimeriPixabay
start up innovazione ricerca bioeconomia tecnologia
Il libro What's Bioeconomy contiene numerose scene illustrate di differenti ambienti familiari nei quali i bambini possono individuare situazioni concrete nelle quali vengono in contatto con i risultati pratici della bioeconomia. FOTO: What's Bioeconomy - Biovoices e Transition2Bio.
Un telo pacciamente in bioplastica. Il materiale biodegradabile è un'alternativa ai prodotti tradizionali che impattano ancora pesantemente sulla salute del suolo agricolo europeo. Foto: F. Kesselring, FKuR Willich Attribution-ShareAlike 3.0 Germany (CC BY-SA 3.0 DE)Foto: F. Kesselring, FKuR Willich Attribution-ShareAlike 3.0 Germany (CC BY-SA 3.0 DE)