Articoli

La pratica del "muirburn" sulle torbiere crea un enorme danno ambientale. FOTO: Rosser1954 CC 4.0

Business as usual: la Scozia brucia le torbiere come 50 anni fa

,
L'abitudine di bruciare le torbiere per stimolare la crescita di erba e vegetazione non accenna a diminuire. Dal 2017 esiste un Codice di condotta volontario che ha dimostrato di non funzionare. Una legge in discussione al Parlamento scozzese potrebbe finalmente cambiare le cose
Lütt-Witt Moor, una torbiera a Henstedt-Ulzburg nella Germania settentrionale. FOTO: Jan van der Crabben CC BY-SA 2.0Jan van der Crabben CC BY-SA 2.0

Ripristinare le torbiere degradate non riattiva tutte le loro funzioni ecosistemiche

,
L'azione di recupero delle torbiere danneggiate dall'attività umana è cruciale per raggiungere la neutralità climatica. Ma, benché importante, il ripristino non riesce a riportare i terreni alle condizioni naturali riattivando tutti i servizi ecosistemici. Lo conferma un'analisi pubblicata su Nature
Le caratteristiche climatiche rendono le torbiere tropicali inadatte alla meteorizzazione arricchita. Foto: Anna Finke/CIFOR Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Generic (CC BY-NC-ND 2.0)Foto: Anna Finke/CIFOR Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Generic (CC BY-NC-ND 2.0)

La meteorizzazione arricchita è una minaccia per le torbiere tropicali

,
La scoperta di uno studio tedesco: la meteorizzazione forzata, usata per favorire la cattura della CO2 atmosferica sul suolo, ha effetti controproducenti se applicata sulle torbiere nelle zone più calde. Dove il sequestro di carbonio è controbilanciato dalla crescita delle emissioni
Il ripristino delle torbiere è parte di un programma più ampio di conservazione della natura in Galles. Foto: Lesbardd Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)Lesbardd Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

Il Galles vuole triplicare il ripristino annuale delle torbiere

,
La nazione britannica alza a 1.800 ettari la quota annuale di torbiere destinate al ripristino. Una mossa pensata per contrastare il cambiamento climatico e proteggere la biodiversità. Due emergenze che appaiono sempre più evidenti in tutto il Regno Unito
Le torbiere del bacino del Congo si estendono per oltre 167mila km quadrati, il 15% rispetto a quanto precedentemente stimato. Foto: Dicklyon Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)Dicklyon Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

Le torbiere del Congo sono un argine contro il cambiamento climatico

,
La ricerca diffusa da Nature: oltre un quarto del carbonio stoccato nelle torbiere del Pianeta si trova nel bacino del fiume Congo. Ma questi ambienti sono minacciati dallo sfruttamento del suolo
Le torbiere caratterizzano il paesaggio del Parco nazionale della Selva boema. Foto: La I.Sáček, senior CC0 1.0 Universal (CC0 1.0) Donazione al Pubblico DominioFoto: La I.Sáček, senior CC0 1.0 Universal (CC0 1.0) Donazione al Pubblico Dominio

Così rinascono le torbiere della Selva boema

,
Progetto LIFE for MIRES a metà del suo percorso: il ripristino delle torbiere all'interno dell'area offre nuove opportunità per il contrasto al cambiamento climatico, spiegano gli operatori. Ad oggi 720 ettari di suolo umido sono già tornati alla condizione originaria.
Il ripristino del terreno e degli ecosistemi, ricorda l'ONU, è una condizione fondamentale per il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile. Foto: Douwes Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)Douwes Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

Foreste, torbiere e terre aride: al via la ricerca degli “ambasciatori del ripristino”

,
Via alla selezione degli aspiranti gestori dei progetti di ripristino dei terreni e delle loro risorse vitali. Il piano, in linea con le raccomandazioni ONU, coinvolge ecosistemi diversi. Talvolta sottovalutati
Progetto Torbiere. Il cantiere presso la piana lacustre di lago Moo e prima descrizione in sito della carota effettuata nel 2017. FOTO: Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Regione Emilia Romagna.Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Regione Emilia Romagna.

L’autunno farà sempre più rima con alluvioni e inondazioni. Ce lo dicono le torbiere

,
Primi risultati del Progetto Torbiere, che confronta i recenti episodi alluvionali nell'Appennino settentrionale con quelli di migliaia di anni fa: le temperature attuali sono simili alle fasi calde del Massimo Termico dell'Olocene. Probabile un aumento degli eventi meteo estremi