Articoli

La perdita di biodiversità nella natura fa crescere il divario tra Paesi, gruppi sociali e generazioni. Foto: LLs Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)LLs Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

Vause: “L’attacco alla natura favorisce le disuguaglianze”

,
Le parole dell’economista ONU alla European Environment Agency: “Tutelare la natura significa contrastare la disuguaglianza tra nazioni, il divario sociale e quello generazionale". Decisiva la tutela del clima e della biodiversità.
In Indonesia, le emissioni derivanti dal cambiamento dell'uso del suolo e dal settore forestale hanno contribuito a quasi la metà delle emissioni del Paese negli ultimi 20 anni. Foto: Deanna Ramsay/CIFOR Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Generic (CC BY-NC-ND 2.0)Deanna Ramsay/CIFOR Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Generic (CC BY-NC-ND 2.0)

Deforestazione, lo strappo dell’Indonesia preoccupa gli ambientalisti

,
Lo stralcio dell'intesa sulla tutela degli alberi tra Oslo e Jakarta mette a rischio l'impegno dell'Indonesia. Che, nel XXI secolo, ha già perso quasi 10 milioni di ettari di foreste primarie.
Nel mondo la quota di popolazione esposta alle inondazioni è aumentate del 24% dall'inizio del XXI secolo. Foto: Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

Le inondazioni hanno colpito quasi 300 milioni di persone nel XXI secolo

,
L’indagine dell’Università dell’Arizona: la quota della popolazione esposta al rischio inondazioni è cresciuta a un ritmo 10 volte superiore a quello precedentemente ipotizzato. L’Asia epicentro del fenomeno.
La sostanza organica nei terreni mondiali è progressivamente diminuita. In un secolo, lo stock di carbonio organico in essi contenuto è diminuito di oltre 130 Gigatonnellate. FOTO: hans-juergen.hans-juergen via Flickr.

Sostanza organica, sulla sua reintroduzione più dubbi che certezze

,
La carenza di sostanza organica nei suoli mondiali è questione sempre più urgente. Ma intervenire non è semplice come si può pensare. Ecco a quali condizioni possiamo avere successo
In Nigeria il metodo tradizionale di produzione del Kilishi è considerato insostenibile dal punto di vista ambientale. Foto: Fatima Bukar Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)Fatima Bukar Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

Nigeria: la lotta alla deforestazione passa per la carne secca

,
Cambiare il metodo di produzione di un piatto tradizionale della Nigeria per proteggere alberi e clima. La lezione di un impianto a energia solare in un Paese devastato dal disboscamento.
Il governo kenyano sta incentivando il ripristino della terra nel paesaggio Makuki-Nzaui. Un esempio perfetto di come sussidi agricoli ben strutturati possono contribuire a restituire salute ai suoli tutelando gli agricoltori locali. FOTO: Peter Irungu/WRIPeter Irungu/WRI

Agricoltura, “ripensare i sussidi per proteggere suolo, sviluppo rurale e contadini”

,
Un nuovo rapporto del World Resources Institute suggerisce come modificare i sussidi pubblici all'agricoltura per ottimizzare gli obiettivi di tutela dell'ambiente, il recupero della salute dei terreni e di remunerazione dei piccoli agricoltori
The Ants and the Grasshopper_docufilm Raj Patel e Zak Piper ha vinto il premio Biorepack "Dalla Terra alla Terra" al Festival CinemAmbiente di Torino come migliore opera dedicata ai problemi del suolo e della biodiversità. FOTO: Archivio CinemAmbienteArchivio CinemAmbiente

La storia di Anita, attivista anti-siccità, diventa un film. Premiato

,
Anita Chitaya, dal suo villaggio nel Malawi afflitto dalla siccità è volata in California per convincere gli americani della realtà del climate change. La sua avventura, raccontata nel docu-film The Ants & the Grasshopper, vince il premio "Dalla Terra alla Terra" al Festival CinemAmbiente di Torino
La diffusione degli incendi negli Stati Uniti rappresenta una seria minaccia per le multinazionali USA che hanno investito nella tutela delle foreste per controbilanciare le proprie emissioni. Foto: CALFIRE_Official Attribution-NonCommercial 2.0 Generic (CC BY-NC 2.0)CALFIRE_Official Attribution-NonCommercial 2.0 Generic (CC BY-NC 2.0)

Gli incendi mettono nei guai le grandi aziende (e il carbon market)

,
Favoriti dal cambiamento climatico, gli incendi devastano crescenti porzioni delle foreste che generano i crediti di emissione acquisiti dalle corporation. L'allarme dagli USA.
Una corretta gestione del suolo contribuisce alla mitigazione del clima, sostiene la FAO. Foto: United Nations Development Programme in Europe and CIS Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)United Nations Development Programme in Europe and CIS Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

Gestendo correttamente i suoli mondiali risparmieremmo 2 miliardi di tonnellate di CO2

,
FAO: "Se gestiti correttamente, il suolo può sequestrare abbastanza carbonio da compensare fino a un terzo delle emissioni agricole globali". Dall'organizzazione ONU due nuovi strumenti per la tutela del terreno.
L’Inventario Nazionale delle Foreste e dei serbatoi forestali di Carbonio (INFC) è un’indagine campionaria periodica finalizzata alla conoscenza della qualità e quantità delle risorse forestali del Paese, fonte di statistiche forestali a livello nazionale e regionale. INFC è uno strumento di monitoraggio che produce conoscenza concreta a supporto della politica forestale e ambientale realizzato dall’Arma dei Carabinieri tramite il Comando Unità Forestali Ambientali e Agroalimentari in collaborazione con partner scientifico il CREA (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi per l’economia agraria) e il contributo dei Corpi Forestali delle Regioni e Province Autonome. FOTO: Carabinieri Forestali 2021.

I boschi italiani crescono. Ma la quantità non è tutto…

,
Dal 2005 al 2015, la superficie boschiva nazionale è aumentata di 587mila ettari. Ma quei dati non dicono tutto: il patrimonio forestale è in larga parte abbandonato e manca una pianificazione pubblica. E nel solo 2021, sono andate in fiamme 1/4 delle nuove foreste