Articoli

Il booklet pubblicato dalla Fondazione PRIMA contiene tutti i progetti vincitori dei bandi 2021. FOTO: felixioncool da Pixabayfelixioncool da Pixabay

Suolo e biodiversità, l’Italia guida la ricerca euro-mediterranea

,
Una pubblicazione riunisce tutti i vincitori nel 2021 dei finanziamenti previsti dal programma PRIMA. L'Italia è il Paese con il maggior numero di unità di ricerca coinvolte, coordina il 40% dei progetti finanziati e raccoglie il 22% del budget a disposizione
I prati stabili sono presenti soprattutto in montagna. Foto: Francesco Sisti Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)Francesco Sisti Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

I prati stabili sono una risorsa da salvare

,
I prati stabili svolgono un ruolo decisivo per le produzioni alimentari e la mitigazione climatica. Sulle Alpi italiane il 45% di questi territori è stato abbandonato nello spazio di mezzo secolo. Un progetto di Slow Food tenta di invertire la rotta
Gli orti in condotta sono uno storico progetto di educazione ambientale di Slow Food che aiuta i bambini ad imparare l'importanza di avere cibo sano in tavola. FOTO: Slow Food ItaliaSlow Food Italia

Il Kit suolo di Re Soil Foundation entra negli Orti in Condotta di Slow Food

,
Grande interesse del pubblico dell'ultimo Salone del Gusto Terra Madre per il percorso didattico sul suolo realizzato da Ecofficina e Re Soil Foundation nel Parco Dora di Torino. Da novembre le classi coinvolte nello storico progetto di educazione alimentare potranno utilizzare il Soil Kit per conoscere meglio il sistema suolo e il legame tra la salute dei terreni e il cibo di qualità
L'agroecologia è una disciplina olistica che riconosce un legame diretto tra la salute dell'agricoltura, del suolo e degli esseri umani. Foto: rawpixel CC0 1.0 Universal (CC0 1.0) Public Domain Dedicationrawpixel CC0 1.0 Universal (CC0 1.0) Public Domain Dedication

Tradizione e attivismo: alla scoperta dell’agroecologia italiana

,
I dati preliminari di uno studio europeo fotografano l'agroecologia italiana. La vitalità dei movimenti non manca ma per ora prevale una certa dispersione delle iniziative. In futuro necessaria più ricerca interdisciplinare
Quelli di Aarhus, in Danimarca, i primi lavori in presenza del progetto PREPSOIL. Foto: PrepsoilPrepsoil

PREPSOIL al via: il futuro del suolo passa dalla consapevolezza

,
La riunione di Aarhus, in Danimarca, è il primo confronto in presenza per i partner del progetto PREPSOIL L’iniziativa, collocata nell’ambito del programma Horizon della Commissione UE, coinvolge anche la ReSoil Foundation. Obiettivo principale: disseminare la conoscenza dei bisogni dei terreni e dell’importanza della loro salute
Alcuni degli oltre 500 botroidi esposti nel Museo di Tazzola in Val di Zena.Lamberto Monti

Alla scoperta dei Botroidi: come fare un viaggio di 70 milioni di anni divertendosi

,
In Val di Zena la passione di un gruppo di appassionati volontari custodisce un originale "Museo dei Botroidi": particolari “pupazzi di pietra” risalenti al Pliocene. Uno strumento originalissimo per far scoprire i segreti della nostra Terra a grandi e bambini
Pixabay, Flickr CC0 1.0 Universal (CC0 1.0) Public Domain Dedication

Emergenza siccità: i consigli del WEF per proteggere il suolo europeo

,
La combinazione tra siccità di lungo periodo e successive forti piogge mette a dura prova i terreni aridi europei. Dal World Economic Forum cinque strategie per contrastare l’erosione del suolo
Foto: CC0 Public Domain Free for personal and commercial use No attribution required

Siccità: l’Europa sconta quattro effetti inattesi

,
L'Europa sconta le conseguenze della peggiore siccità degli ultimi cinque secoli. Tra raccolti in crisi, trasporti in affanno e carenze di produzione elettrica, il World Economic Forum punta ancora l'indice su un fenomeno che minaccia il futuro del suolo e del Pianeta
italia incendi fiamme fuocoFoto di Gerd Altmann da Pixabay

Incendi, i gioielli ambientali italiani sotto attacco

,
Nell'ultimo quindicennio, gli incendi – dolosi o colposi – hanno coinvolto il 14% delle aree protette italiane. Ad essi si aggiungono gli oltre 2mila avvenuti nei 2310 siti Natura 2000. La punta di un iceberg fotografata dal nuovo report “Italia in fumo” di Legambiente. Un pericolo sottovalutato, che minaccia importanti servizi ecosistemici e richiede di rafforzare gli strumenti di contrasto
Oltre che essenziali per la produzione agricola, le api possono essere usati come validissimi strumenti di biomonitoraggio della condizione di terreni e aria. FOTO: Damien TUPINIER on Unsplash

La qualità di aria e terra? In Trentino la “certificano” le api

,
Uno studio, realizzato dall’Associazione Apicoltori della Val di Sole insieme all’Università di Bolzano, ha usato i preziosi insetti impollinatori come "agenti" per il biomonitoraggio. Grazie a loro, individuata la presenza di 566 principi attivi di agrofarmaci. L’analisi rappresenta la prima mappatura di questo genere condotta su un intero territorio