Articoli

L'Africa è il continente in cui l'accaparrameno di terra a fini speculativi cresce di più. E crea maggiori danni a territori e popolazioni locali. FOTO: Friends of the Earth international.Friends of the Earth international.

I padroni della terra che ostacolano la transizione ecologica

,
Il land grabbing che costringe agricoltori e popolazioni locali a lasciare la propria terra agli speculatori cresce anche nell'anno del Covid. Un problema da affrontare con urgenza perché anche da questo dipende la vitoria della sfida contro il cambiamento climatico
Una poiana dal collorosso in uno degli habitat incontaminati garantiti da una riserva naturale in Gabon. Lo Stato africano è il primo a ricevere denaro per non deforestare e non emettere quindi CO2. FOTO: VIGNA christian CC-BY-SA-4.0VIGNA christian CC-BY-SA-4.0

Modello Gabon: è il primo Paese a essere pagato per proteggere le proprie foreste

,
Il Paese centrafricano ha ricevuto la prima tranche dei 126 milioni frutto dell'accordo con la Central African Forest Initiative delle Nazioni Unite. Il Gabon ha praticamente azzerato la deforestazione da un ventennio.
Giovani pastori dell’etnia Fulani. In una Nigeria a crescente rischio desertificazione il conflitto tra allevatori e agricoltori ha prodotto finora non meno di 3.600 vittime. Foto: Neptunian83 Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)Foto: Neptunian83 Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

Clima e demografia. La guerra per il suolo sconvolge la Nigeria

,
Il degrado del terreno minaccia la Nigeria creando le condizioni per un sanguinoso conflitto tra pastori e agricoltori. Con il land grabbing sullo sfondo.
Una vista aerea di una porzione della Grande Muraglia Verde (The Great Green Wall of the Sahara and the Sahel Initiative).greatgreenwall.org

Il muro che unisce: la grande muraglia verde promette di sconfiggere il deserto

,
La creazione della cinta alberata di 7600 km lungo il continente africano prosegue a ritmo lento. Ma potrebbe davvero centrare l'obiettivo: arrestare la desertificazione, migliorare clima, cibo, biodiversità ed economie locali di Emanuele…