Articoli

Il complesso residenziale nel comprensorio sciistico "Alpe Bianca" nel comune di Viù presso la frazione Tornetti è uno dei grandi edifici censiti dal dossier Legambiente. La realizzazione di questo albergo imponente iniziò negli anni '80 a opera di una società ligure. Ma l'opera mastodontica non fu mai compiuta. FOTO: Dossier Legambiente "Abitare la montagna nel post covid" 2022.

Recuperare, non cementificare: sulle montagne italiane incombe il pericolo consumo di suolo

Un nuovo rapporto di Legambiente ha monitorato edifici dismessi e consumo di suolo in 303 località alpine. Il fenomeno delle seconde case torna a crescere. E quasi mai si fanno piani per riqualificare il patrimonio edilizio esistente. E così si continua a costruire su terreni di alto valore ecosistemico. Il primato negativo spetta al Trentino
Nei primi mesi del 2022 la siccità ha colpito duramente molte regioni italiane. FOTO: IstockIstock

Ecco la mappa degli eventi estremi in Italia

In occasione della Giornata della Terra 2022, il CMCC ha presentato la prima classificazione interattiva degli eventi estremi in Italia. Giorno per giorno informazioni, mappe, bollettini, analisi climatiche ad alta risoluzione e testimonianze degli impatti generati
L'Ucraina ospita un quarto del černozëm globale, un suolo iper fertile che garantisce grandi rese. Foto: Jackie Riceman Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)Jackie Riceman Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

La guerra e il clima minacciano il suolo “magico” dell’Ucraina

Dietro alla proverbiale ricchezza agricola ucraina c'è il černozëm, un terreno estremamente fertile che caratterizza due terzi della superficie arabile del Paese. Ma la guerra e il cambiamento climatico minacciano i campi
Un tratto di foresta in Kenya Foto: Ninara Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)Ninara Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

Il Kenya scopre la forza della comunità (e ritrova la sua foresta)

Dietro alla rinascita della foresta di Mirema si colloca un'iniziativa dal basso diventata ormai una best practice di riferimento per la nazione. Ma anche un nuovo segnale del crescente impegno dell'Africa nella tutela delle sue risorse naturali
Gli effetti di una inondazione a Valkenburg nei Paesi Bassi. Nello spazio di 40 anni gli eventi estremi in Europa hanno causato danni per mezzo trilione di euro. Foto: Romaine CC0 1.0 Universal (CC0 1.0) Public Domain DedicationRomaine CC0 1.0 Universal (CC0 1.0) Public Domain Dedication

Europa, dagli eventi climatici estremi 500 miliardi di danni

Lo studio dell’EEA: dal 1980 gli eventi estremi sono costati al Vecchio Continente mezzo trilione di euro e 145 mila morti. Il cambiamento climatico resta la principale minaccia. Troppo limitata, ad oggi, la copertura assicurativa
Secondo l’emittente tedesca DW le due Coree potrebbero avviare uno sforzo congiunto nella lotta alla deforestazione. Foto: Jensowagner Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)Jensowagner Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

La lotta alla deforestazione riavvicina le due Coree?

, , , , , ,
Seul invita Pyongyang a collaborare nella lotta alla deforestazione, un problema particolarmente grave a nord del 38º parallelo. Alla vigilia del vertice ambientale di maggio, spiega l'emittente tedesca Deutsche Welle, qualcosa si muove 
dissesto idrogeologico erosione territorioSNPA

Dissesto idrogeologico, in Italia non si salva (quasi) nessuno

Il 94% dei Comuni è sottoposto a rischio di frane e alluvioni. Lo rivela il nuovo rapporto dell'ISPRA. 8 milioni di italiani vivono in aree ad alta pericolosità. Più positivi i segnali sul fronte dell'erosione costiera
Secondo gli esperti inglesi, la Gran Bretagna dovrebbe piantare il 40% in più di siepi nelle aree agricole ntro il 2050 come barriere contro inondazioni e cambiamenti climatici. FOTO: luigi alesi via Flickr.

Crisi climatica, il rimedio si nasconde tra le siepi

Essenziali per trattenere l'acqua e difendere la biodiversità, utili contro l'inquinamento da prodotti chimici. Un'analisi del Comitato indipendente sui cambiamenti climatici sottolinea l'impatto positivo dell'installazione delle siepi. Il consiglio: aumentarle del 40% entro il 2050
Un'innovazione circolare per l'Africa: il riutilizzo degli scarti del cocco riduce l’impiego del legname e la spinta alla deforestazione. Foto: Freetown sl Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)Foto: Freetown sl Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

La storia di Alhaji, lo startupper che frena la deforestazione con gli scarti del cocco

, , , , , , , , ,
Una soluzione circolare contro la deforestazione in Africa Occidentale. Alhaji Siraj Bah, giovanissimo innovatore di Freetown, in Sierra Leone, scommette sui residui del cocco per offrire un’alternativa ai prodotti derivati dal legno
Le fasce tampone vegetate rappresentano un efficace argine contro l’inquinamento dei corsi d’acqua. Foto: Bengt Oberger Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)Bengt Oberger Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

Meno inquinamento, più salute: le fasce tampone mettono d’accordo acqua e suolo

La ricerca USA: le strisce tampone non rappresentano un reale pericolo per la stabilità del suolo e la tenuta degli argini. Una scoperta che apre la strada a un più ampio utilizzo di questo rimedio naturale contro la contaminazione delle acque